Le linee di lavoro

All’interno del nostro club ogni socio, ovviamente, lavora ai propri progetti e sui modelli che lo appassionano. Da un po’ di tempo però ci siamo accorti che è anche possibile che gruppi di persone lavorino per libera scelta su progetti comuni.

La prima esperienza che abbiamo avuto in questo senso è stato il lavoro sugli orologi: ad un certo punto ci siamo resi conto che vari di noi avevano, indipendentemente, costruito modelli di orologi funzionanti. E’ bastato accorgersi della cosa e delle sue possibilità di sviluppo per arrivare a un insieme notevole di orologi molto diversificati tra di loro, tanto che si è potuto allestire una mostra, completa di excursus storico sull’evoluzione della tecnologia di questi strumenti, a partire dai modelli che riproducono orologi del 1400 fino ad arrivare ai nostri giorni.

Questa mostra è stata esposta con notevole successo in varie situazioni: al festival della scienza di Genova a quello di Bergamo e poi a Torino, siamo stati anche al festival della matematica di Roma, solo per ricordare le partecipazioni più significative. Attualmente questa mostra continua a crescere e ad evolversi.

Da un paio di anni abbiamo iniziato a lavorare intorno ad un nuovo progetto: le macchine da calcolo.

Si tratta di un ambito che, a differenza di quello che si potrebbe pensare, comprende una serie molto ampia di strumenti e meccanismi: dai cambi delle automobili, ai meccanismi di autoregolazione come il regolatore di Watt, per finire con le classiche macchine per calcolo numerico come le sommatrici e simili.

Non avevamo una base di modelli già pronti da cui partire, per cui sarà un lavoro più lungo e faticoso, ma speriamo di arrivare in un tempo ragionevole a realizzare una serie adeguata di strumenti.

Qunidi, senza impegno e senza che la cosa costituisca vincolo di alcun tipo, il club rivolge l’invito ai propri soci ed alle persone che sono in contatto con noi, a lavorare in questi due ambiti ed a segnalarci la cosa.