Il meccanismo di Antikitera

Navigando si Internet si trova di tutto, questo è ormai un luogo comune, ma non per questo meno vero.

Recentemente ho trovato su http://blog.libero.it/mysteri/2331222.html questo interessante poost Post.

Se volete vedere l’originale potete clickare il link, oppure potete vedere la sintesi che riporto qui sotto.

Il computer di Antikitera

Foto di sir_simon

Mar egeo, isola di Antikitera, anno 1902
Un gruppo di sommozzatori, recupera questo strano blocco sui fondali dell’isola di Antikitera,

Nel dopoguerra, questo blocco venne sottoposto ai raggi X. E ciò che videro sviluppando le pellicole va oltre qualsiasi fantasia.

immagineSi scopre infatti che non si trattava di un blocco inciso, ma di un complesso meccanismo a ingranaggi di altissima perfezione. La perfezione era tale che venne addirittura considerato un oggetto moderno, tanto moderno che, pensarono di aver preso un abbaglio.
Invece studi successivi hanno dimostrato che era autentico, costruito intorno all’87 a.C. a Rodi e diretto a Roma. Dalle lastre si e’ potuto vedere che il meccanismo era composto da 30 ruote dentate accoppiate; era possibile leggere su di esso iscrizioni, che ne indicavano il modo d’uso, in greco antico.
Si trattava di un calendario meccanico, capace di calcolare in un attimo la posizione della luna, del sole e delle principali stelle di un qualsiasi giorno dell’anno.

Analizzandola in modo ancora piu approfondito (anche perché si stava cercando di costruirne una copia funzionante(vedi foto seguente), ci si e’ accorti che alcuni ingranaggi erano disposti in modo da formare un differenziale, lo stesso che trovate montato sulle vostre auto.

Uimmaginen differenziale permette di fare in modo che le ruote di uno stesso asse, ad esempio quello posteriore, possano girare a velocità diversa. In pratica il differenziale e’ una “scatola” con tre alberi rotanti e fa in modo che il terzo albero giri a una velocità che e’ pari alla differenza di velocità degli altri due alberi.
(scusate la digressione meccanica ma forse ora capirete meglio il seguito).
Il fatto è che il differenziale è stato ufficialmente inventato solo 16 secoli dopo. I concetti meccanici e soprattutto matematici che sono alla base di questo dispositivo e che è necessario conscere per calcolare il giusto diametro degli ingranaggi sono allo stesso livello delle nostre moderne università!!

Adesso proviamo a ragionare un po su alcune cosette.
Rodi era grande per la tecnologia metallurgica, e tutti erano obbligati per legge a mantenerne i segreti, pena la morte. La maggior parte dei documenti di quei tempi sono andati distrutti. Di fatto cosa ne sappiamo noi di quali conquiste tecnologiche avessero raggiunto? Se poi analizziamo quei pochi testi che parlano di macchine azionate a vapore che aprivano le porte dei templi, ritenuti finora semplici parti della fantasia, beh forse ce n’e’ abbastanza da ricredersi. Chissà.. forse Roma era davvero a un passo per fare il grande salto tecnologico all’era industriale. Forse non ne ha solo avuto il tempo, tra l’oscurantismo della Chiesa e le invasioni Barbariche.

Lascia un commento